CONVEGNO ISIT “EXPO DEI TERRITORI”

nutri
ISIT partecipa alla IX edizione di NutriMi: Forum di Nutrizione Pratica
15 luglio 2015
serata AMM
ISIT e Assica incontrano l’Associazione Medici Milanese
15 luglio 2015
Show all

CONVEGNO ISIT “EXPO DEI TERRITORI”

composit

IL TERRITORIO ITALIANO E LE SUE ECCELLENZE: UN PATRIMONIO INESTIMABILE PER DIVERSITA’,QUALITA’ E GUSTO

 Se ne è parlato alla Triennale di Milano lo scorso 24 giugno

Ben 14 Consorzi di Tutela e 20 prodotti Dop e Igp rappresentati. Questi i numeri dell’Istituto Salumi Italiani Tutelati (ISIT), che vigila, tutela e valorizza le eccellenze della salumeria italiana DOP e IGP.  Prodotti che hanno una personalità complessa, che parte da molto lontano e che affonda le radici in storia antica. Questi prodotti sono l’essenza stessa del gusto, che è poi il motore che porta questi salumi a raggiungere i consumatori di tutto il mondo. Forti della loro tradizione, tipicamente italiana, i salumi DOP e IGP hanno anche il vantaggio di non essere statici. Tradizione, dinamismo, qualità sono alcuni dei plus riconosciuti in tutto il mondo e che hanno fatto diventare i salumi DOP e IGP Ambasciatori del gusto del Made in Italy.

Per approfondire tutto questo è nato l’incontro l’Expo dei territori, che si è svolto alla Triennale di Milano lo scorso 24 giugno, pensato per analizzare – grazie all’intervento di professionisti del settore – aspetti dei salumi DOP e IGP ancora inesplorati. Se ne è parlato con Lorenzo Beretta, Presidente di Istituto Salumi Italiani Tutelati, Magda Antonioli, Direttore Master in Economia del Turismo dell’Università Bocconi, Evelina Flachi, Specialista in Scienza dell’Alimentazione e Nutrizionista, Davide Oltolini, giornalista e critico enogastronomico, Alex Sorini Revelli, docente universitario e ricercatore delle tradizioni enogastronomiche. Il dibattito vivace e dinamico è stato moderato da Francesca Romana Barberini, autrice, conduttrice televisiva e food writer.

Ne è emerso un quadro completo dei salumi DOP e IGP che non sono solo gusto, storia e tradizione, ma sono anche un forte volano per l’economia. Rappresentano, infatti, una forte leva, ad esempio, per il turismo, dove l’elemento del “mangiar bene” assume un rilievo e una connotazione sempre più forte e richiesta.